VORREI L’ARCOBALENO

Vorrei rubare l’arcobaleno al cielo fino a slegarne gli sfumanti colori e ad uno ad uno consegnarli al mondo che si ritrovi nell’unico tal padre. Non si pavoneggerà più nell’azzurro qual penitenza di una lotta eterna per una terra separata dal suo cielo in un luogo dalla smarrita concordia....

spacer

ZUFOLI E SCACCIAPENSIERI

Zufoli e scacciapensieri tacete, da secoli stordite i siciliani. Zufoli e scacciapensieri annegate nelle senie profonde che si aprono ampie in campagna. Troppe rose selvagge, rose selvagge di maggio e bianchi gelsomini, gelsomini inebrianti, e zagare, perle odorose, ginestre, mimose, gerani possenti avete splendidamente cresciuto. Zufoli e scacciapensieri, tacete!...

spacer

RINASCERE

Rinascere… chissà, forse potrei e magari diventare creatura meno fragile. E immagino d’essere onda del mare che sceglie lei chi colpire con forte furia e chi invece carezzare con tanta tenerezza. Oppure fiore d’alta montagna solitario, quasi irraggiungibile, fatto per ricevere uno sguardo solo da chi s’ è inerpicato...

spacer
spacer
spacer
spacer
spacer

Premio Nazionale di Letteratura e Poesia “Vincenzo Licata – Città di Sciacca”, VI Edizione. Cerimonia di premiazione

Download locandina     –     Download brochure Giuseppe Pipitone, giornalista de Il Fatto Quotidiano, Danilo Procaccianti, giornalista di Presa Diretta (RaiTre) e Mimmo Fontana, Presidente di Legambiente Sicilia: sono questi i tre ospiti d’onore presenti alla cerimonia finale della sesta edizione del Premio Nazionale di Letteratura e Poesia “Vincenzo...

spacer
spacer

Premio Letterario Vincenzo Licata, Edizione 2014 – Bando di partecipazione

BANDO DI PARTECIPAZIONE Edizione 2014 Premio Nazionale di Letteratura e Poesia “VINCENZO LICATA – CITTÀ DI SCIACCA”  Organizzato dall’Associazione di promozione sociale “L’AltraSciacca” . www.vincenzolicata.it Scadenza: 9 Agosto 2014 Cliccate qui per scaricare il bando di partecipazione Cliccate qui per scaricare la scheda di partecipazione . SEZIONI DEL PREMIO Sezione A...

spacer

Il sorriso della luna

Cala sul poggio il velo del tramonto e dissolve d’incanto le luci del giorno; attendo assorto che l’orizzonte sfumi nelle trame della penombra che incombe. Scendono grevi anche i carichi della mente che aprono la porte segrete dell’anima e si riaffollano i pensieri nascosti tra  le pieghe dei ricordi...

spacer

Pallido grigiore

Com’è semplice il sorriso del sole se solo noi umani lo sapessimo imitare, appena volgiamo lo sguardo ad esso non riusciamo a fare altro che accecare. Com’è soave il vento mattutino dopo una notte col temporale, quanto è triste quel giovane avvolto nel suo cappotto marrone conserva in volto...

spacer

SEI NATA

Finalmente sei nata…! Sei venuta alla luce; la luce che da nove mesi bramavi. Ti sei immersa in quella stessa luce che ti giungeva attraverso gli occhi di tua madre. Ora tendi l’orecchio ai suoni; cominci a riconoscere le voci che ti giungevano impalpabili come echi di vento lontane;...

spacer

Il fiume

Il sole che splendeva quel mattino faceva rosseggiare pietre e campi, il caldo soffocante mi fiaccava, la sete mi gonfiava lingua e gola … … all’improvviso giunse una frescura guardai per terra, vidi quattro gocce raccolte in una piccola pozzetta. Diedi uno sguardo in giro ed osservai che c’era...

spacer

A mafia

Unn’arrinesci a vidirla, si nni stà bona ammucciata e quannu è pedi pedi stava sempri camuffata. Tutti a ciamammu mafia e tutti a cunnannammu, ma sulu chi paroli, chi fatti ni scantammu. A mafia pedi unn’hava e sula un pò caminari. Unn’hava mancu manu e sula un pò sparari....

spacer

Notte ancora

Lampeggia d’estate un temporale e raggomitola il tempo ormai trascorso.  Signore Tu sei di questa notte: di passi lenti e lenti progressi. Eppure oso credere e sperare che (a un tuo cenno), la gioia tornerà a danzare e scioglierà i ghiacciai e le impervie mulattiere che s’increspano acerbe  sulle...

spacer

Altre persone

“La tua presenza è più forte della mia … quelli sono parassiti, se ti fai mordere ti mangiano, a presto amore, ricordi sei tu che devi ricordare? Sembra che siamo già nati, a presto.” Con un po’ di calma si spiega anche il giorno di oggi, malsano e immaturo,...

spacer

Terra di Castellaccio (Santa Ninfa / TP)

L’alba ti accarezza e tu, restia, quasi ti nascondi. Terra aspra e forte, a chi ti ama racconti del tuo passato, la nostalgia. Il vento ti porta ancora, lo scalpiccio leggero e la cantilena dell’amico contadino, che zappava, le tue zolle, lieto   fino a sera, senza guardare l’ora....

spacer

‘A ballata di lu duluri

Figghie me’ beddi, vuatri addumannati ‘nzocchè ‘u significatu ri duluri. Ju vi capisciu, picchì sta palora s’usa ntu spissu, pi ddiri troppi cosi. U fattu è ch’unn’è facil’a spiari, e manc’ a mmia mi vennu li palori. Ma si cu’amuri aviti la pacienza ‘u patri vostru vi vol’accuntentari. Mintiti,...

spacer

Verde Petrolio

Serenamente riposano i ricordi, grazie al tuo sempre presente ritorno. Per strada racconti e ai nipoti tramandi cose infinite ma ben capite. Eri roccia da scavare per poterne ricavare, oggi sei petrolio di quella miniera che di colore il tuo nome si fa fiero, di fingersi rassicurato per un...

spacer

IL FIORE DELLA SPERANZA

Avevo otto anni quando le stelle si staccarono dal cielo e caddero sulla Terra. La mia vita e quella degli altri sopravvissuti cambiò per sempre il 19 ottobre 2014. Da allora sono passati trent’anni. Da allora non vedo più il sole. La neve cade leggera, tutto è bianco intorno...

spacer

Atmosfere d’Abruzzo

Nell’occhieggiare, il sole alla vallata, col suo calor, infiora la campagna e, tutt’ intorno a mò di pennellata, tinteggia il ciel come fosse una lavagna. S’odono grilli e leggiadri cinguettii, tra alberi in fiore ed eduli frutteti, attraversati da rinfrescanti rii che donano pace agli anacoreti. Prodotti tipici con...

spacer

CORI DDA SICILIA

Mi partu di Giurgenti e vaiu a Patti e cuogliu strata strata li divini frutti, aranci, cirasi e miennulicchi ca piacinu a li poviri e a li ricchi li spartu a li vicini ed a tutti, all’amici e frustieri d’ogni parti Ci fu ‘na picciuttedda ca nun n’happi e...

spacer

La vita, l’essenza

Attimi di breve durata,   che  svaniscono nel nulla, dissolvendosi in un vortice di fumo. La vita, un arcobaleno fluttuante di colori sublimi che si disperdono in un unico sogno. Ricordi, che non tornano indietro nel tempo interruzioni istantanee di affannosi respiri che ti tolgono il fiato, e un...

spacer

La piuma e il gabbiano

In questo mio racconto ho voluto intrecciare una pagina di vita reale con la fantasia. Abito a Scandicci, immediata periferia della città di Firenze, ma in estate io e mio marito con il nostro vecchio camper, spesso la  nostra meta è la Sicilia, perché per me quella terra ha...

spacer

Un porto franco

Com’è dolce nell’aria ascoltarti, sospinta da pensieri puri e silenzi vani. Semplice è per me apprezzarti poiché mi privilegi tra i tuoi tanti amanti, che ogni giorno da te vengono a respirar. Deliberi il tuo fascino adulatore per ispirarmi di vero cuore, affinchè dia testimonianza alla tua buona azione...

spacer

Reschi di pisci

Nun ci sunnu chiù pisci ntra lu mari affunnu l’occhi ntra lu sangu di stu celu di stu suli chi coci ca pinnulia comu na corda senza ruppa chi strinci l’ossa mazziati    sutta li panzi vacanti. E allongu li vrazza ntall’acqua nun ce chiù nenti sutta sta varca sulu...

spacer

Angoscia

Mi muovo per capire di me nell’eterogeneo creato.   Sceso dal nulla, vivo, respiro, nutro il mio corpo, assetato di limpida acqua.   Acqua che scorre al di là di una riva senza pontili, per ricusare disperati, anelanti ancoraggi.   Mi muovo nella nebbia di avulsi pensieri, pentagrammi svuotati...

spacer

LA BEFANA VIEN DI NOTTE….

Il professor Duval guardò le nuvole mentre la moglie gli domandava: “Allora, mon chéri, cosa ti è piaciuto di più della nostra vacanza?”.  “Oh..beh…il giardino botanico di Pamplemousses è certamente très, très joli. Tutte quelle piante esotiche, gli sconfinati baobab, l’albero che sanguina, la palma che cammina….” “ Lo zenzero,...

spacer

Ricordo d’estate

Un’estate calda quell’estate. Un caldo che toglieva la voglia di fare la più semplice delle cose. Fra lo sventolare di un pezzo di cartone e lo sciogliersi del ghiaccio nei bicchieri, si rimaneva il più possibile immobili nell’attesa che il sole scomparisse dietro ai grattacieli dei ricconi. In quel...

spacer