Unni teni li picciriddi Paisi miu

Paisi miu
comu t’hannu riduciutu ‘sti tempi novi
t’hannu strazzuliatu tuttu
t’hannu lassatu mutu
chinu di muturi e di mudernità.
Paisi miu
unn’è la stati di li picciriddi?
unn’è la primavera di la gioventù?
unn’è l’autunnu di li patri?
e lu mennu di li nanni?
Tuttu ha divintatu chiattu, chiattu.
Passiu ‘nta li tò strati niri di pici
talìu casi gialli chiù di lu suli
virdi chiù di l’erba
azzurri chiù di lu mari
ma vacanti di pirsuni e d’amuri.
Unni sunu li picciriddi di ‘na vota
chi culuravanu li strati
di curiannuli e di palluni
chi jucavanu a lu canneddu
cu lu rummulu, a la fossetta
e si cunfunnivanu cu l’arcubalenu.
Unni sunnu ddi farfalleddi
bianchi, bianchi
ddi angiuleddi
chi jucavanu a lu girutunnu
cantavano cu li smerli
tuccavanu lu suli di jornu
cuntavanu li stiddi di sira
parravanu cu la luna
e tuttu era misteru.
Unni sunu ddi picciriddi
vistùti di pagghia
chi currivanu ‘nta li carrati
comu raffichi di ventu
e ‘ncipriavanu li matri
di terra di campagna
e nzuccaràvanu li patri
cu meli di ciuri.
Unni sunu ddi ‘ntuppateddi
di crita di sciumu
sciacquati ‘nta li biviraturi
chi scutavanu li cunti di li nanni
e a picca, a picca
divintavanu ranni
cu latti di matri
e sciauru di lumìa.
E ddi muddicheddi di pani
chi jucavanu cu li passareddi
‘nta chiazza
guardati di la Madonna
di la chiesa Ranna?
Pirchì nan senti ‘stu cantu di pìula
paiseddu miu?
Nèscili ‘sti carusiti
jinchi lu mè cori
chi sulu camina
‘nta lu silenziu di li tò strati.
Ma unni teni li picciriddi?
Nno ventri di cimentu?
Vomitali
comu lava di lu Mungibeddu
sparpagghimìli ‘ntò celu
e culurimìli di jocufocu.

di Giuseppe Bonura
_____

La poesia “Unni teni li picciriddi Paisi miu” si è classificata tra le finaliste della sezione delle poesie a tema libero in dialetto del Premio Nazionale di Letteratura e Poesia “Vincenzo Licata – Città di Sciacca”, Edizione 2009.

spacer

Leave a reply