Reschi di pisci

Nun ci sunnu chiù pisci ntra lu mari

affunnu l’occhi ntra lu sangu di stu celu

di stu suli chi coci

ca pinnulia

comu na corda senza ruppa

chi strinci l’ossa mazziati   

sutta li panzi vacanti.

E allongu li vrazza ntall’acqua

nun ce chiù nenti sutta sta varca

sulu mari ca acchiana

ca fa pirtusa

ca si mancia la carni.

 

E mi rigiru a punenti:

 

D’unni scupparu li petri

ca tirasti a li jorna.

D’unni fineru li paroli sazi

ca si manciaru tutti li pisci.

Cu s’agghiuttiu li denti

ca muzzicaru lu pani.

 

Mascaratu e lu puliticanti

ca strinci  li manu a li puvireddi.

Nun ci nnè pi nuddu

ne pi tia, ne pi mia….

 

Lu celu chianci

e sbrizzia lu fangu nta la facci,

sunnu jorna amari

reschi di pisci

muti muti

spurpati a minnitta

senza scrusciu, ne cori.

 

Traduzione: Lische di pesci

Non ci sono più pesci nel mare

affondo gli occhi dentro il sangue di questo cielo

di questo sole che cuoce

che penzola

come una corda senza nodi

che stringe le ossa percosse

sotto le pance vuote.

E allungo le braccia dentro l’acqua

non c’è più niente sotto questa barca

solo il mare che sale

che buca

che si mangia la carne. 

E mi rigiro a ponente:

Dove sono finite le pietre

che hai tirato ai giorni.

Dove sono finite le parole di sazietà

che hanno mangiato tutti i pesci.

Chi ha inghiottito i denti

che hanno preso a morsi il pane.

Mascherato è il politico

che stringe le mani ai poveri.

Non c’è ne per nessuno

ne per me, ne per te….. 

Il cielo piange

piovigginando il fango sulla faccia,

sono giorni amari

lische di pesci

muti silenziosi

rosicchiati in malo modo

senza rumore, e senza cuore.

 

Pietro Vizzini

 Capaci

La poesia “Reschi di pisci” ha partecipato all’edizione 2013 del Premio Letterario “Vincenzo Licata – Città di Sciacca”, nella sezione “Poesia a tema libero in vernacolo”.

spacer

Leave a reply