CORI DDA SICILIA

Mi partu di Giurgenti e vaiu a Patti

e cuogliu strata strata li divini frutti,

aranci, cirasi e miennulicchi

ca piacinu a li poviri e a li ricchi

li spartu a li vicini ed a tutti,

all’amici e frustieri d’ogni parti

Ci fu ‘na picciuttedda ca nun n’happi

e di lu chiantu n’ha allagatu a tutti.

Te cca stu cori miu, fallu ‘ntri parti

mangi tu, mangiu iu e mangiammu tutti

 

 

Traduzione_CUORE DELLA SICILIA

Parto da Agrigento e vado a Patti

per raccogliere divini frutti,

arance, ciliegie e tenere (ancora) mandorle

gradite sia ai poveri sia ai ricchi

li divido ai vicini e a tutti,

agli amici e forestieri di ogni parte (del mondo).

C’è stata una ragazzetta che non ne ha avuti

e con il suo pianto ci ha bagnati tutti.

To’, tieni il mio cuore, dividilo in tre parti,

ne mangi tu, ne mangio io, ne mangiamo tutti.

 

Benedetto Arancio

Vizzini (Ct)

La poesia “Cori dda Sicilia” ha partecipato all’edizione 2013 del Premio Letterario “Vincenzo Licata – Città di Sciacca”, nella sezione “Poesia a tema libero in vernacolo”.

spacer

Leave a reply