Padre

Di te, Padre, ho custodito, l’amore che mi hai dato, i sorrisi, che non mi hai mai negato, la dolcezza, che nel tuo sguardo si poggiava sul mio cuore, riempiendosi di te. Di te, Padre, ho appreso la fermezza, ma mai il rigore, mai la negazione, mai la durezza,...

spacer

E ti nni vai matri di duluri

E ti nni vai cu lu burka pi li strati di Kandahar e chianci pi li to fimmineddi senza alligria di cori e talìi picciliddi scavusi ca sunnu omini senza futuru. E ti nni vai a Baghdad, chiamata terra di la paci, e viri to figghiu mbuttitu di esplosivu...

spacer

Chiddu chi appi di fari lu fici

Ma chi mi teni ancora ccà? Nun ti nn’adduni ca nun haiu chhiù scopu di ristari? Chiddu chi appi di fari lu fici, nun mi resta cchiù nenti di fari, perciò vidi chi a cuminari. Prima nun ti cridìva, ma ti mittisti cu la minutidda, oi, dumani, oi, dumani,...

spacer

Sarafinu

Murìu, puru Sarafinu. Iddu, ca di saristanu, ni vitti armi e armuzzi acchianari a strata du campusantu, e picciriddi vattiàrisi all’artaru cu ll’ogghiu santu. Murìu, puru Sarafinu. Omu ladiceddu a taliallu cu suli, ma figghiu divotu a la terra e a lu Signuri. Sempri rittu comu cannileri fumusu, e...

spacer

Le tue mani

Le tue mani, padre, grandi, ruvide di calce, non stavano mai ferme, decise davano ordini, erano le mani, di colui che la gente chiamava padrone. Le tue mani, padre, tiepide nicchie dove potevo custodire i miei sogni, invano le ho cercate dentro i rovi dei miei pensieri, dentro il...

spacer

Ricordi di miniera

Quella sera del giovedì santo mio padre uscì dalle viscere della terra, all’interno di un ascensore, simile ad una gabbia. Portava, in capo al suo elmetto, una piccola lampada accesa. I suoi abiti e la sua pelle madidi, intrisi di polvere di sale. Sembrava un manichino impolverato. Eppure, quel...

spacer

A mio padre

A volte ritorni, come guizzi di luce, nei ritagli dei miei pensieri quando, sommersa da cupe inquietudini, cerco scampoli di ricordi, dimentica d’ogni difesa, mentre riecheggiano sempre più nitide struggenti e avvolgenti nostalgie. E allora arrivi piano, come in un bisbiglio, scivoli tra mille stranezze della mia vita, sfiori...

spacer

A mio padre

Mi mancano gli odori del giardino schiuso all’aprirsi degli aranci e dei limoni della terra che si scalda a primavera, il luccichìo festoso delle stelle, del sole infuocato a mezzogiorno, di acque limpide, chiare, cristalline. Mi mancano gli anni perduti dell’infanzia, il cigolìo della tua sedia a dondolo e...

spacer

L’abbraccio ritrovato

Mi avvicino al cuore, per sentire che è tutto vero e batte forte adesso, come forte era il mio desiderio quel desiderio di ritrovarti, da quando di casa sono scappata e darti la gioia di essere nonno, oggi che mamma sono diventata. Troppo difficile trovare le parole con te...

spacer

A mio padre

Vorrei ritornare, indietro negli anni, ragazzino e con te padre mio parlare, bacchiando mandorle in contrada Pizzino, fra il frinire festoso delle cicale, sotto il torrido sole d’agosto, così come un dì solevamo fare, e poterti, così, dire quello che da giovinetto, per timidezza o pudore, pur avendolo in...

spacer

Na vita

Picciliddu jera e tu u gianti. Assittatu ‘ncapu u carrettu, tascu ‘ntesta zzotta nni li manu e sicaretta ‘mmucca. Manu raspusi, chini di caddi vita di stenti, fatica tanta. Tanti i figghi, unu darrì l’antru ma u destinu vonzi figghi emigranti. Sulu ristasti ccu li to affanni, sulu ristasti...

spacer

Luna … Amica Mia!

Quantu si bedda stasira luna mia! Sarannu sti stiddi chi ti fannu cumpagnia, chi mostranu a tutti li to biddizzi e la simpatia. Si tu, la Regina di stu celu, Musa tu … di l’innamurati chi ogni sira aspettanu a tia pi fari l’amuri e darisi vasati. Ogni sira...

spacer

Autri tempi

Nti n’agnuneddu di lu sutta scala un jornu vaiu a trovu na cartuzza A la graputa cu surprisa viu na pampina d’ulivu sicca e scura Na scritta si vidìa a mala ppena acchicchiu leggiu la parola: t’amu Dda scritta c’un chiuviddu era marcata lu tempu nun la potti cancillari...

spacer

Lu pinseri di l’emigranti

Sicilia bedda, pi li forasteri, li toi difetti ti li sai ammucciari lu suli, u cielu e u mari, sunnu veri cu a panza o suli, nun si po’ campari li forasteri vennu assai cuntenti sicuri di truvari: mari, monti e iu da figghiu toi, nun trovu nenti mi...

spacer

Il giorno prima della felicità

Anima di cielo fatta solo sguardo, ti porgo la grazia da succhiare, il sapore del metallo per dormire e forse le nostre ombre di damasco adombrate dal mare. Tu che, nomade, scrivi il suono con lemmi di sole tra l’Irlanda e il Medioevo, dando alla melodia un nuovo suono...

spacer

Lu gelsuminu da za Maruzzedda

Quann’era picciridda iu cantava, ‘nta lu finistruneddu m’affacciava tra lu basilicò e lu rampicanti e mi sintìa davveru na cantanti. Lu pubblicu sicuru ‘un mi mancava, li vicineddi mi ricìanu: “Brava!” e io cantava ancora cchiù cuntenti. Era felici e nun pinzava a nenti. Me matri mi cusìa li...

spacer

La roccia bianca

Stava tornando a Catania. Stando alle convenzioni astronomiche si era ormai in autunno, ma in Libia faceva ancóra molto caldo, e nell’abitacolo, pur se tutto aperto, si sudava. La rotta tra Libia e Sicilia era fissa: bisognava aggirare Malta, che era in mano agli inglesi e quindi si costeggiava...

spacer

Acqua salata

Ho sempre abitato a distanza di sicurezza dal centro, del paese da bambino, della città appena più grande. E di passaggi, credetemi, ne ho chiesti davvero a tonnellate. Ma ce n’è uno, uno soltanto, che non dimenticherò mai. L’auto: una vecchia Fiesta della Ford, altrimenti detta “La merenda”. L’autista:...

spacer

Eternamente noi

Plasmati a divenir germogli d’unica essenza, raggianti gemme sorprese dal primo soffio di primavera. Distanza, altri incontri, fugaci parentesi nell’ansia di un sogno eccitato dai riverberi della realtà. Fiori sbocciati, coccolati dalle vivaci ali delle farfalle. Colori di vita, colori di gioia. Armoniosi, mai domi come floride acque di...

spacer

Il silenzio del ghiaccio [1941]

Sento l’aria glaciale che mi attraversa le narici e mi consuma lentamente le ossa. Provo nuovamente a muovere le dita del piede ma neanche questa volta risponde ai comandi. Sento le spalle scosse da forti tremiti di panico. Cerco di calmarmi riportando alla memoria immagini che leniscano il dolore...

spacer

Il grido

Ed io credevo fosse carnevale, padre, le sere quando ritornavi nera la faccia, ardenti gli occhi rossi. Facevi l’orco col passamontagna, fingendo di sbranarmi mi atterrivi, poi sorridendo i baffi mi tingevi. E non vedevo il sangue che grondava dal pane quotidiano che ci davi. Le tante lune in...

spacer

Il rosario dei seni

Viviana era stata uno dei miei amori più grandi, un affetto arrivato in mezzo alla vita migliore, quella dei trent’anni, dove il bene delicato del cuore veniva irrobustito, quando si scaldava, dagli slanci furibondi della passione. Un giorno m’aveva chiamato ancora. «Sei tu?… Sei proprio tu?… Come stai?». L’avevo...

spacer

Nannu Franciscu avia un macasenu

Figghiu, stasira ti vogghiu cuntari di me nannu Franciscu, di com’era, zoccu facia a lu munnu pi campari, nna vita di travagghiu e di pinzera Nannu Franciscu avia un macasenu, a la marina, allatu a li casciati; ddu stanziceddi mezzu sdirrupati di lu mari sciroccu e lu sirenu. N’ta...

spacer

Il video integrale della cerimonia di premiazione dell’edizione 2010 del Premio Letterario “Vincenzo Licata – Città di Sciacca”

Premio Letterario “Vincenzo Licata – Città di Sciacca” – Edizione 2010 from vincenzo licata on Vimeo. La cerimonia di premiazione della seconda edizione del Premio Letterario “Vincenzo Licata – Città di Sciacca”, svoltasi il 7 Agosto 2010 nell’atrio inferiore del Palazzo Municipale di Sciacca. Il Premio Nazionale di Letteratura...

spacer

Il video integrale della cerimonia di premiazione dell’edizione 2009 del Premio Letterario “Vincenzo Licata – Città di Sciacca”

Premio Letterario “Vincenzo Licata – Città di Sciacca” – Edizione 2009 from vincenzo licata on Vimeo. La cerimonia di premiazione della prima edizione del Premio Letterario “Vincenzo Licata – Città di Sciacca”, svoltasi il 1 Agosto 2009 nell’ex Chiesa di Santa Margherita a Sciacca. Il Premio Nazionale di Letteratura...

spacer

Premio Speciale Vincenzo Licata

Premio Nazionale di Letteratura e Poesia “Vincenzo Licata – Citta’ di Sciacca” – Edizione 2010 . . Il Premio speciale Vincenzo Licata è stato assegnato dalla Giuria all’opera “La fattura” – di Francesco Cannatella .Il Premio assegnato è costituito da un ramo di corallo di Sciacca poggiato su concrezione conchiliare...

spacer

Finalisti e premiati della Sezione D – Racconti

Premio Nazionale di Letteratura e Poesia “Vincenzo Licata – Citta’ di Sciacca” – Edizione 2010 . . Qui di seguito sono riportate le prime tre opere classificate della Sezione D (Racconti) e le altre opere individuate dalla Giuria come finaliste, ovvero tra le prime dieci, incluse eventuali ex aequo,...

spacer
spacer
spacer
spacer