La barca

Ritorna il dolce dondolio del tuo tempo scandito dal rumore del mare. Torna la brezza che mi sfiora e mi riporta ricordi lontani che parlano di spiagge incantate, di castelli di sabbia dorata, di domeniche passate al calore del sole e dell’amore più antico del mondo. Ritorna il dolce...

spacer

In riva al mare al tramonto

Istanti vissuti si consegnano al Tempo ritornano al mondo che ogni creatura muta e rigenera pienezza di esistere consacrata da un cerchio di fuoco. L’anima quieta e sazia del giorno affida al vento un sussurro al placido mare regala la gioia di un sogno avverato. Incanto del tempo che...

spacer

Sulla torre saracena

D’estate mi porto alla torre, che svetta su rocce d’ardesia, mi lascio dietro il chiasso vacanziero e la spiaggia dove le onde s’abbandonano stanche. Seguo il sentiero di agavi e ginestre fin lassù, dove i gabbiani planano leggeri, leggeri come le tese bianche delle suorine ondeggiano lievi alle carezze...

spacer

Il mare

I Sentieri di navi più di ogni altro al mondo amaro addio penoso lasciarsi di mani, invano a ritroso vi percorro per bagnarmi ancora tra le meste onde e il cielo terso ad asciugarmi… il tuo tempo, mare, nenioso oblio, dissecca i cuori amaramente e rende triste il limio...

spacer

Leggendo il mare

Amo leggere il mare appena svegliato, le tue storie vengono in superficie ad ogni mio sguardo. L’umido mi accarezza e arriva alle ossa, passando dal cuore. Poi si fa buio, il sole muore nel mare e dà vita ai miei sogni. di Giovanni Panarese _____ La poesia “Leggendo il...

spacer

Nostalgia di mare

Oh mare, sapessi, mi manchi tanto! Mi manca la tua voce debole o rabbiosa, l’intenso odore, il tuo verde manto, ed io t’ammiravo, gaia e pensosa dalla finestra a te prospiciente. Guardavo la mattina il sorgere del sole, il rosso porporino al tramontare, e tu, lì, placido, quasi dormiente,...

spacer

Estate a Maràgani

Ascolto il silenzio color bianco acquerello e l’onda d’estate rinfrescar gli asciutti granelli di sabbia e le torride “giache” di “Maragani” Allorquando una tempera blu oltremare tinge d’azzurro sfumato il celeste tavolato dall’orizzonte all’estremo lembo fra le “giache”. E ancora ascolto il lento fluir del ruscello nascosto tra i...

spacer

Echi di mare e di cuore

Il terso candore delle onde, accarezzato dal fulgido sole, brezza di primavera, freschi brividi, segrete atmosfere, di un approdo magico tra bellezza e incanto. Nel silenzio ovattato del mattino, i gabbiani sembrano, coriandoli del cielo, nella danza, delle onde spumeggianti, il mormorio diventa canto. Fluttuano le onde, lo sciabordio,...

spacer

La voce del mare

Se il mare avesse la voce del vento, ogni tramonto sarebbe un concerto, vedresti il sole che arpeggia mentre cuori di amanti si toccano sulla spiaggia nell’arcobaleno di rossi colori Se il mare avesse la voce delle stelle al suo suono vibrerebbe la pelle una mano violerebbe il senso...

spacer

I vecchi pescatori

Vorrei imparare le vostre parole dure, che intrise di croste di sale annodano reti fedeli, sicure, figlie di preci e pensieri. Senza Dio, avete un Santo a proteggere i cuori più cari nati dal mare, e moglie d’incanto a custodire vissuti focolari giammai ammansiti dalla furia del vento. Vorrei...

spacer

A Sciacca

La poesia “A Sciacca” è stata dedicata alla nostra splendida città dalla poetessa Federica Simonetto dopo esserne stata ospite per ricevere il meritato riconoscimento per la lirica “A Neda” con cui ha partecipato all’edizione 2009 del Premio Letterario Vincenzo Licata. Siamo particolarmente contenti di riportare che la poesia in...

spacer

Mare di cristallo

Sorgente di acqua limpida reale come il tempo nel mare di cristallo nel cuore di battiti tranquilli. di Concetta Di Piazza _____ La poesia “Mare di cristallo” si è classificata tra le finaliste della sezione delle poesie in italiano con tema “Il Mare” del Premio Nazionale di Letteratura e...

spacer

Canto del mare

Nel mezzo di un canto del mare fra onde zampilli gocce liberate nel silenzio è un canto di gioia tocchi di luce e di ombre oscillare di foglie orizzonte. di Concetta Di Piazza _____ La poesia “Canto del mare” si è classificata tra le finaliste della sezione delle poesie...

spacer

La mia oasi

Ricordo, una spiaggia solitaria sotto il sole splendente, una brezza leggera carezzava le dune di sabbia e il canneto. Sui cumoli di alghe piedi scalzi saltellanti di bimba gioiosa, contenta di avere la sua terra con il vigneto e il fico vicino al mare. Alberi di pini ai margini...

spacer

Onde scacciate dal mare

Su scogli arrotondati dal tempo si frantumano le onde scacciate dal mare che le vide nascere… Muoiono tra acqua e terra, piangono se stesse assorbite da fameliche spiagge in attesa. O per sempre disperse in traditrice risacca che arretra per poi ghermire. Loro, onde mai ferme, lacrime salate, nell’annunciata...

spacer

Gocce di sale

Dolce fruscio che popola l’aria nenia di flutti perpetui che avvolge un sole arrossato mucchio di sorsi salati stretti nella morsa di una schiena rocciosa, poesia dai contorni vibranti, cielo terreno che vieta ogni volo prigione di follie incompiute artista di danze proibite. Memoria senza pagine di una storia...

spacer

Ascutami ventu

O ventu chi canusci tuttu ‘u munnu… senti ccà a mia, ascutami un mumentu, picchi mi noci? Nun firriari ‘n tunnu… nun viri chi caminu quasi a stentu? Nun pèrdiri ‘u to’ tempo, ccà, cu mia, apprezzu ‘i to’ carizzi, li to’ curi, ma si o me cori voi...

spacer

Acqua cheta

Abbannunatu mi sentu, comu strummalo chi unn’avi chiù corda e i picciriddi un ci ponnu chiù ghiucari Ittatu a surcu, comu riti pirciata in capu a banchina caura ri suli chi duna ricoveru ai cani. Siccu siccu, ‘nu ventu ri sciroccu chi macari a testa m’abbrucia e l’anima e...

spacer

Facitimi npocu arripusari

Du’ ngagghi ca riluciunu, a l’umbra di na còppula cunsunta, c’ammuccia na facci astutata di spiranza; talianu! Talianu sutta lu suli a picu a un celu aridu, siccu di lacrimi; ca spissu li sdinija, mentri la terra, bivi assitata lu suduri ca scinni cupiusu da lu cori; lassànnulu, senza...

spacer

Aspettu ‘a primavera

Aspettu ‘a primavera e lu so pallidu suli, aspettu ddu raggiu ca illumina ‘a terra vagnata di lu sirenu, aspettu di li rami nuri spuntari tenniri fogghi e di li gemmi lu rosa di li persichi villutati aspettu ca l’aria profumi d’aranci, e havi inziu ‘a danza fistusa di...

spacer

Schiticchi e pinitenzi

Quannu lu cristianesimu vinciu mittennu fini a lu munnu paganu, lu sciacchitanu assai ni suffriu, picchì ‘un ci dispiaci ddu cultu stranu, ddi rriti a la natura collegati, fatti di baccanali e scampagnati. ‘N agnidduzzu a Diana cacciatrici, ‘na libagioni ricca pi Minerva e cu la scusa di li...

spacer

Quannu c’era me nannu Jachinu

Quannu c’era me nannu Jachinu si usavanu li scarpi cu l’ugna; lu cappeddu cu lu pilu finu e nun c’era ssu scùcchiu e ssa rugna. A ddi tempi ‘un avennu chiffari si curcàvanu prestu, cu ‘i stiddi e pinzàvanu sulu ad amari… e nascìanu sulu picciriddi. Quannu c’era na...

spacer

Nna li notti sereni

Nna li notti sereni d’estati, li stiddi a migghiara e migghiara sbrinnulìanu nna lu celu senza fini turchinu; a la stisa zurrichìanu li griddi a la campìa, e lu cantu longu e priziusu d’un rusignolu, raccamatu di passioni e d’amuri, patrunìa lu me cori; l’unni ‘ncutti ‘ncutti s’assicùtanu, spicchulìanu...

spacer

Li falsi pridicatura

Chi ven’addiri: pridicari la paci, addisiari lu beni, e poi sciarriarisi cu lu primu chi veni. Comu lu parrinu furbu e maliziusu chi a lu prossimu pigghia pi fissa e poi leggi lu vangelu duranti la missa. Chi ven’addiri: sbandierari la difesa di l’ambienti e poi ittari la munnizza...

spacer

Lu pagliacciu

Chi ni sapiti viatri d’un pagliacciu, di la so vita e chiddu chi à subìtu?! Pinzati, lu so cori chi è di ghiacciu e sapi fari sulu ‘u scimunitu? Viditi sulamenti la facciàta, lu so surrisu sempri disignatu; l’ammùccia cu dda màschira pittata soccu è chi prova e chiddu...

spacer

Baloje de passione

L temp’èva che l’ua arbolliva ntòn tutte le bòtte e nti tine e quan niva giorno pi campe ntò llustro di zzuppe vanghète fumèva la nèbbia che l sole pu dòppo svaprèva. Alòra ntnò spiazzo che c’èva ntla strèda che pu va n collina, tirète da stracche cavaje, giognèvon...

spacer

Unni teni li picciriddi Paisi miu

Paisi miu comu t’hannu riduciutu ‘sti tempi novi t’hannu strazzuliatu tuttu t’hannu lassatu mutu chinu di muturi e di mudernità. Paisi miu unn’è la stati di li picciriddi? unn’è la primavera di la gioventù? unn’è l’autunnu di li patri? e lu mennu di li nanni? Tuttu ha divintatu chiattu,...

spacer

La me vecia maraja

Me piasarìa fermarme par strada e voltarme indrìo de boto. Come par cagnar el tempo andà. Restarìa, forsi, a boca verta nell’acorsarme de quei che, gatoni, i me caminava drìo. I me stava col fià sul col sensa che mì sentisse gnanca un s-ciantin d’arfiada o un qualche pestesar....

spacer

La preghiera degli emigranti

Partimmo poveri e stanchi, con un pezzo di cielo per mano e tanta speranza. Lasciammo le illusioni al tempo e ai ricordi e cercammo un’altra vita tra i grattacieli e le periferie incolte. Incontrammo giorni nuovi di miseria e d’umiliazione; di nostalgia e di dolore. E soli, per marciapiedi...

spacer

Serenata

Lasciatemi come un tempo ancora cullare nel cielo astrale, dove altalene d’argento mi spingono verso gli ulivi che abbracciano la mia casa natale portatemi ancora alla sorgente a bere con le mani a conca l’acqua pura delle mie montagne e tu, padre, intona, ti prego, con la tua chitarra...

spacer