Monthly Archives: settembre 2009

Il biliardino di latta

Sifilìtici, sifilògrafi, sifilòmani! Ma a chi poteva interessare più di tanto, un tempo, una scabbia, un’ impetigine, di fronte ai guasti del treponema? Ah i soggiorni nei sifilocòmi! Pochi rimedi, molte toccature: si tirava avanti sperando d’essere stati, ogni volta, sanati, come accadeva in uno dei quattro padiglioni d’angolo...

spacer

Il gigante

Ogni tanto squarciava l’aria un grido di gabbiano. Il sole che cadeva oltre le Egadi accendeva le tinte del cielo e lui danzava in un concerto di colori. Faceva capriole sull’acqua il gigante – fiero caparbio tenace – mai sazio di gioco. Lo spiavo dilagare – selvaggio e mite...

spacer

La casa

La casa a picco sul mare sembrava guardare eterni orizzonti, solcati da mille tramonti infuocati e da albe dorate. La casa a picco sul mare, custode di tanti momenti vissuti vicino al suo cuore, un cuore di casa, sognava di sfiorare l’onda, rincorrerla lungo la riva. Ma rimaneva là,...

spacer

Il mare mi ha ritrovata

Camminare a lungo, senza guardare, cercare un posto dove scagliare i ricordi… e incontrare il mare. Raccontargli la vita, dolori, rimpianti, mostrargli i tagli ancora recenti… Ascolta il mare, sussurra, consola, regala carezze di schiuma, spande gocce di baci, abbraccia giocando con l’onda, canta note mai udite, dona scintille...

spacer

L’artruista

Si pe la strada a tutte date retta, tramente state stretto a vostra moje, la testa nun ve fa la piroetta ma l’occhi gireno su l’artre voje. Ché quella ch’è co voi cià la certezza d’avecce ‘n omo attento a lei sortanto. Cammina fiera, cià la sicurezza che nun...

spacer
spacer

Nun torna lu passatu

Si putissi riturnari picciriddu, m’abbazzassi a lu coddru di me matri, appuiassi ntà sò spaddra la me testa, mi facissi nà durmuta spinzirata. Mi facissi annacari ancora d’idda, mentre chiancissi pri dari sfogu a li me peni, ci cuntassi l’affanni dù me cori, e idda, mi sapissi cunsulari. Stu...

spacer

Cantu amaru

… E vulissi cantari un cantu amaru Chinu di rabbia forti E amuri raru Lu dedicassi a tia chi nun mi senti Cori di petra E facci d’innucenti di Antonella Amico _____ La poesia “Cantu amaru” si è classificata al primo posto della sezione delle poesie a tema libero...

spacer

A Neda

TROPPO SOLE NELLA TUA VITA A SOFFOCARE I CUORI DI LOFTAN. IL TUO ARDORE HA MACCHIATO L’ARIA DELLA LIBERTA’ IMPACCHETTATA. NESSUNO OSERA’ DONDOLARE AL VENTO, NESSUNO POTRA’ AMARE LA VITA COME ORA. POPOLERAI CON OCCHI APERTI QUEL DESERTO PLASTICO RITTA NELLA SCACCHIERA. NON SARA’ ESILIATO QUELL’IMPETO NELLE TUE VENE,...

spacer