Monthly Archives: ottobre 2013

LU GRANCIU E LA PATEDDA

  Lu granciu pilusu chi sta n’to pirtusu  la bedda patedda vulissi acchiappali,  ma l’unna du mari chi canta e suspira ci dici…stasira… cu u lustra di luna e anticchia i furtuna…  po essiri pura chi essennuci scura  sta bedda patedda  si rapi…s’allarga  s’attigghia,  si spigghia, s’assugghia  lassannu lu...

spacer

VIA GOLETTA

La vecchia fontanella sul selciato di Via Goletta qual malinconico ricordo in me ridesta, or che negli anni più non vede braccia di mamma i nudi panni lavare o riempir d’acqua i secchi e le “quattare”.    Mamma che t’alzavi prima dell’aurora, come panettiere andare al forno, e far la...

spacer

Le due porte

Dentro di me vive un folletto oscuro calmo e bizzoso come il dio del mare che un giorno ti riflette il cielo puro ed un giorno infuriato e cupo appare.   La casa del folletto è dentro il cuore e ai lati opposti s’aprono due porte, una per il...

spacer

Auschwitz – (Arbeit macht frei)*

  Nevica ad Auschwitz, fratello, gelide le tue mani e gelido il tuo cuore Sussulti al fischio di quel treno, e, incroci, lo sguardo di un bimbo, muto, composto, nel suo dolore. Cigola quel cancello, chiuso alle tue spalle, occhi spenti, senza lacrime , orizzonti grigi. Sogni, fratello, sterminate...

spacer