Monthly Archives: novembre 2014

Felicia

Felicia, poco più che cinquantenne, era là, semidistesa in un letto di ospedale; la flebo che pendeva dall’asta di sostegno era collegata ad una vena del suo braccio sinistro. Felicia era molto preoccupata: le si leggeva in viso la paura di ricevere un’altra notizia dolorosa dal medico che le...

spacer

Le lettere ai morti

Invecchiando nonna Semi cominciò a far sempre più caso ai presagi. Fu quando ricominciò a sognare. Dopo una vita passata a svegliarsi al mattino immemore, uscendo dal sonno con la mente sgombra, come se qualcuno le avesse vietato di portarsi dietro i propri sogni, un giorno cominciò a ricordarseli...

spacer

L’illusione

L’altra faccia dell’isola del sole era buia e asfissiante. In cunicoli stretti e polverosi, una variegata umanità lavorava incuneandosi sempre di più nelle viscere della terra. L’arroventata terra siciliana sembrava attraversata da infiniti serpenti frenetici, bramosi di ghermire la loro preziosa preda. In tempi di povertà della gente, dei...

spacer

Ad un bimbo che sta per nascere

(dalla mamma della sua mamma) Tua madre guardo, una bellezza nuova, goffa, irripetibile, dolcissima e fra di noi si tende il filo antico che ha legato eserciti di donne. Sei maschietto, da poco l’ha saputo e la mano sul ventre te carezza e pare ti disegni, membra e viso...

spacer

Gelsomino

Navigare tra lontane galassie in cerca del mistero onde l’anima mia cambiò colore,   cavalcare i venti siderali per ritrovare il seme che sull’isola mia pose il tuo fiore,   dedicare un’esistenza intera alla ricerca folle del giardino che porti il tuo profumo alla mia sera.   Santi Cardella...

spacer

DONNA

Donna mi volle Dio e non seppi subito il costo dell’essere senza corazza, donna mi scoprii all’improvviso quando fui costretta a vivere storie dal sapore di gramigna, brandelli inimmaginati che deturparono sogni… erano ali incastrate nei ghigni d’un mefisto. Donna gridai allora e rispolverai la forza di chi vuole...

spacer

LU SULI NTA LU MARI

Lu suli si rumpìu in milli pizzuddicchi nta lu mari… Milli diamanti ca lùcinu supra ‘u mantu d’acqua annurvànu l’occhi, cuetanu ‘i pinsera.   E li vulissi pizzuliàri ddi stidduzzi ‘mpinti tra l’unni, pi sazziarimi di luci e putiri aviri ‘u suli dintra lu me’ pettu aggiuccatu nta me’...

spacer

Figghiu

Figghiu, tu va currennu e mmenzu a li to passi scansi la vuci mia e chidda di to matri. Figghiu, tu curri forti jennu luntan’i mia, luntanu ri to matri, ca c’hai lu ciatu ‘n coddu pi lu duluri anticu. Figghiu tu va fujennu p’un sentiri li grida d’un...

spacer

SCIROCCU

A milli a milli,s’assicutanu currennu cu li crinera a lu vento scumazzannu scippannu l’alica n’funnu e poi rumpennu nta la riva nnuccenti raggia e chiantu mentri la scuma purtata di lu ventu avi sapuri d’odiu e di rimpiantu e di sali di lacrimi e spaventu quannu senti ddu tronu,...

spacer

VORREI L’ARCOBALENO

Vorrei rubare l’arcobaleno al cielo fino a slegarne gli sfumanti colori e ad uno ad uno consegnarli al mondo che si ritrovi nell’unico tal padre. Non si pavoneggerà più nell’azzurro qual penitenza di una lotta eterna per una terra separata dal suo cielo in un luogo dalla smarrita concordia....

spacer

ZUFOLI E SCACCIAPENSIERI

Zufoli e scacciapensieri tacete, da secoli stordite i siciliani. Zufoli e scacciapensieri annegate nelle senie profonde che si aprono ampie in campagna. Troppe rose selvagge, rose selvagge di maggio e bianchi gelsomini, gelsomini inebrianti, e zagare, perle odorose, ginestre, mimose, gerani possenti avete splendidamente cresciuto. Zufoli e scacciapensieri, tacete!...

spacer

RINASCERE

Rinascere… chissà, forse potrei e magari diventare creatura meno fragile. E immagino d’essere onda del mare che sceglie lei chi colpire con forte furia e chi invece carezzare con tanta tenerezza. Oppure fiore d’alta montagna solitario, quasi irraggiungibile, fatto per ricevere uno sguardo solo da chi s’ è inerpicato...

spacer