Monthly Archives: febbraio 2016

Doppu ‘a guerra

Haiu un cappidduzzu beddu, sapuritu, quannu mi l’haiu a mettivi, quannu mifazzu zitu. Scinnu pi lu Cassaru acchianu pi Panneri, tutti chi mi salutanu bongiornu,Cavaleri!* )   Lu sentu ancora ‘u cantu di me matri mentri lavava i piatti ‘nt’a cucina e l’alligria arrivava ‘nsinu a nuatri ca criscevamu...

spacer

Vecchiu bastimèntu

S’annàca, un bastimèntu a cèntru di lu pòrtu tinènnu cunfortu ‘nta ‘nna cima a ‘ppùppa Si vivi, l’onda, la stappa di cumèntu. S’appòia a lu sartiami, lu stàncu palamèntu. Sùrgi un lamèntu di ‘nna còsta di fasciami o, forsi, è un càntu di malincunìa. Puntànnu a la tistàta, rìttu,...

spacer

Il sole in un pugno

Tengo il sole in un pugno ma i raggi sfuggono dagli intervalli tra le dita Sfuggono come le parole alla mente che rimangono sulla lingua ma non divengono espressioni si vestono di conoscenza fuggita Sfuggono come le decisioni prese con la ragione nemica del cuore Sfuggono come le idee...

spacer

Un tuffo nell’immenso…

L’eco del mare ti fa compagnia, portato dalla brezza su per la scogliera dal giallo di ginestre colorata e, da macchie di verde dal sole illuminate.   Strilli di gabbiani tagliano il vento, che porta l’aspro odore di salsedine dell’acqua azzurra da vele solcate, vedi in fondo le terre...

spacer

Fronte del porto

Già sfamate le onde schiumano sul cemento e rotolano ovunque uomini e bottiglie vuote, bestemmie e urina negli anfratti del porto, risalendo in dissolvenza mescolano il respiro alle polveri sottili. Già di pioggia il cielo è un neon rotto sulle case basse, cinte d’arenaria. Insonne il faro è un...

spacer