Monthly Archives: aprile 2009

La poesia di Vincenzo Licata – di Francesco Cassar

Sciacca,21-22 Giugno 1996 In occasione del primo convegno in ricordo del poeta Vincenzo Licata. Vincenzo Licata ha cominciato giovanissimo a recitare i suoi versi in tante edizioni del nostro Carnevale, di cui e stato un grande con i suoi copioni, specchio del vissuto con una verve davvero inimitabile. In...

spacer
spacer

Sogni di un burattinaio

Dall’archivio di la Repubblica Repubblica — 09 maggio 1994   pagina 30   sezione: SPETTACOLI PALERMO – Erano più di trenta anni che Ciccio Ingrassia non recitava su un palcoscenico della sua Palermo, dai tempi della commedia musicale di Garinei e Giovannini Rinaldo in campo, dove Domenico Modugno l’...

spacer
spacer

Lo speciale di Teleradio Monte Kronio dedicato al Premio Nazionale di Letteratura e Poesia “Vincenzo Licata – Città di Sciacca”, Edizione 2009

Qui di seguito trovate, in tre spezzoni, lo speciale andato in onda lo scorso mese di febbraio su Teleradio Monte Kronio, condotto dal professore Enzo Porrello e dedicato al Premio Nazionale di Letteratura e Poesia “Vincenzo Licata – Città di Sciacca”, Edizione 2009. Con l’occasione vi invitiamo a partecipare...

spacer
spacer

La poesia di Vincenzo Licata dedicata a Pietro Germi

Dal blog dell’Associazione Culturale Pietro Germi di Sciacca Il nostro concittadino Vincenzo Licata rappresenta certamente una delle voci più significative della poesia dialettale siciliana e, come disse Gino Bobbio, è stato “un uomo di mare, singolare poeta mediterraneo, irruente e poderoso, carezzevole e buono come le bonacce del suo...

spacer

Pane della mia terra

A mio padre L’odore del pane della mia terra porta oggi alla mente riflessi di specchio i giorni di ieri ricordi lontani ma sempre vicini fatti di cose di tanto di nulla. L’odore del pane della mia terra in questo mio viaggio nel sud più forte insistente riporta al...

spacer

Il corallo di Sciacca

Dal sito www.vivisciacca.com … Vosi assummari pi pighiari ciatu, cu ddu tisoru di lu nostru mari. E a bordu chi l’avianu p’annigatu, quann’è chi si lu vittiru affacciari gridaru tutti:”Si misi a cavaddu! Bertu Ammareddu truvau lu curaddu! Ci fu na festa in tutta la marina, e la notizia...

spacer

Sciacca – Dedicata a Enzo Porrello

Al caro amico Enzo Porrello, per avermi, col suo perenne entusiasmo ed il suo amore per Sciacca, illuminato a scrivere questi versi. VINCENZO LICATA SCIACCA Supra ‘na rocca, nfacci di lu mari carricata d’azzurru ogni matina, Sciacca pari chi scinni a la marina tra un ciuciulìu di centu marinari....

spacer