Monthly Archives: gennaio 2011

Padre

Di te, Padre, ho custodito, l’amore che mi hai dato, i sorrisi, che non mi hai mai negato, la dolcezza, che nel tuo sguardo si poggiava sul mio cuore, riempiendosi di te. Di te, Padre, ho appreso la fermezza, ma mai il rigore, mai la negazione, mai la durezza,...

spacer

E ti nni vai matri di duluri

E ti nni vai cu lu burka pi li strati di Kandahar e chianci pi li to fimmineddi senza alligria di cori e talìi picciliddi scavusi ca sunnu omini senza futuru. E ti nni vai a Baghdad, chiamata terra di la paci, e viri to figghiu mbuttitu di esplosivu...

spacer

Chiddu chi appi di fari lu fici

Ma chi mi teni ancora ccà? Nun ti nn’adduni ca nun haiu chhiù scopu di ristari? Chiddu chi appi di fari lu fici, nun mi resta cchiù nenti di fari, perciò vidi chi a cuminari. Prima nun ti cridìva, ma ti mittisti cu la minutidda, oi, dumani, oi, dumani,...

spacer

Sarafinu

Murìu, puru Sarafinu. Iddu, ca di saristanu, ni vitti armi e armuzzi acchianari a strata du campusantu, e picciriddi vattiàrisi all’artaru cu ll’ogghiu santu. Murìu, puru Sarafinu. Omu ladiceddu a taliallu cu suli, ma figghiu divotu a la terra e a lu Signuri. Sempri rittu comu cannileri fumusu, e...

spacer

Le tue mani

Le tue mani, padre, grandi, ruvide di calce, non stavano mai ferme, decise davano ordini, erano le mani, di colui che la gente chiamava padrone. Le tue mani, padre, tiepide nicchie dove potevo custodire i miei sogni, invano le ho cercate dentro i rovi dei miei pensieri, dentro il...

spacer

Ricordi di miniera

Quella sera del giovedì santo mio padre uscì dalle viscere della terra, all’interno di un ascensore, simile ad una gabbia. Portava, in capo al suo elmetto, una piccola lampada accesa. I suoi abiti e la sua pelle madidi, intrisi di polvere di sale. Sembrava un manichino impolverato. Eppure, quel...

spacer

A mio padre

A volte ritorni, come guizzi di luce, nei ritagli dei miei pensieri quando, sommersa da cupe inquietudini, cerco scampoli di ricordi, dimentica d’ogni difesa, mentre riecheggiano sempre più nitide struggenti e avvolgenti nostalgie. E allora arrivi piano, come in un bisbiglio, scivoli tra mille stranezze della mia vita, sfiori...

spacer