Monthly Archives: novembre 2010

Autri tempi

Nti n’agnuneddu di lu sutta scala un jornu vaiu a trovu na cartuzza A la graputa cu surprisa viu na pampina d’ulivu sicca e scura Na scritta si vidìa a mala ppena acchicchiu leggiu la parola: t’amu Dda scritta c’un chiuviddu era marcata lu tempu nun la potti cancillari...

spacer

Lu pinseri di l’emigranti

Sicilia bedda, pi li forasteri, li toi difetti ti li sai ammucciari lu suli, u cielu e u mari, sunnu veri cu a panza o suli, nun si po’ campari li forasteri vennu assai cuntenti sicuri di truvari: mari, monti e iu da figghiu toi, nun trovu nenti mi...

spacer

Il giorno prima della felicità

Anima di cielo fatta solo sguardo, ti porgo la grazia da succhiare, il sapore del metallo per dormire e forse le nostre ombre di damasco adombrate dal mare. Tu che, nomade, scrivi il suono con lemmi di sole tra l’Irlanda e il Medioevo, dando alla melodia un nuovo suono...

spacer

Lu gelsuminu da za Maruzzedda

Quann’era picciridda iu cantava, ‘nta lu finistruneddu m’affacciava tra lu basilicò e lu rampicanti e mi sintìa davveru na cantanti. Lu pubblicu sicuru ‘un mi mancava, li vicineddi mi ricìanu: “Brava!” e io cantava ancora cchiù cuntenti. Era felici e nun pinzava a nenti. Me matri mi cusìa li...

spacer

La roccia bianca

Stava tornando a Catania. Stando alle convenzioni astronomiche si era ormai in autunno, ma in Libia faceva ancóra molto caldo, e nell’abitacolo, pur se tutto aperto, si sudava. La rotta tra Libia e Sicilia era fissa: bisognava aggirare Malta, che era in mano agli inglesi e quindi si costeggiava...

spacer

Acqua salata

Ho sempre abitato a distanza di sicurezza dal centro, del paese da bambino, della città appena più grande. E di passaggi, credetemi, ne ho chiesti davvero a tonnellate. Ma ce n’è uno, uno soltanto, che non dimenticherò mai. L’auto: una vecchia Fiesta della Ford, altrimenti detta “La merenda”. L’autista:...

spacer