spacer
spacer

Premio Nazionale di Letteratura e Poesia “Vincenzo Licata – Città di Sciacca”, VIII Edizione. Cerimonia di premiazione

Download locandina     –     Download brochure L’attore Fabrizio Pizzuto, il giornalista e scrittore Giacomo Pilati e il giornalista Lorenzo Tondo sono gli ospiti d’onore che riceveranno il riconoscimento “La Magnifica Identità Siciliana” durante la serata conclusiva dell’ottava edizione del Premio Nazionale di Letteratura e Poesia “Vincenzo Licata – Città...

spacer
spacer

Il sentiero a sinistra dell’Orsa Maggiore

M ‘appresto distesa a divenir Di verdi e pur flaventi canti Quand’anche di sorrisi e pianti, tu Che di germoglio il cor m’hai rilegato Sicché con ogni fremito a me resti legato, in questa materna culla , tinta di un sol colore rubino come il sangue rosso come l’amore...

spacer

Donna con noi, madre per noi

I genitori di Maria non avrebbero voluto che la loro unica figlia si sposasse così presto, così giovane, e poi con un uomo così tanto più grande di lei… no, proprio non capivano cosa era successo alla loro cara e dolce Maria, alla loro figlia che era sempre stata...

spacer

‘Carmela’

Arrivava sulla spiaggia prima del sole. Era un ragazzo, figlio di pescatore, di nome Nino. Abitava, con la famiglia, una casa che guardava il mare, in un paesino situato su un punto alto della costa. A settembre, pochi frequentavano la spiaggia, e il vento notturno cancellava le orme dei rari bagnanti del...

spacer

La voce dei muri

Nessuno aveva mai voluto credere a quella strana storia dei muri a secco che parlavano di notte, eppure qualcuno – non solo tra i più fantasiosi – giurava di aver sentito veramente quelle voci, anche se poi all’alba non ricordava più nulla. Alcuni, più per la curiosità che spinti...

spacer
spacer

Doppu ‘a guerra

Haiu un cappidduzzu beddu, sapuritu, quannu mi l’haiu a mettivi, quannu mifazzu zitu. Scinnu pi lu Cassaru acchianu pi Panneri, tutti chi mi salutanu bongiornu,Cavaleri!* )   Lu sentu ancora ‘u cantu di me matri mentri lavava i piatti ‘nt’a cucina e l’alligria arrivava ‘nsinu a nuatri ca criscevamu...

spacer

Vecchiu bastimèntu

S’annàca, un bastimèntu a cèntru di lu pòrtu tinènnu cunfortu ‘nta ‘nna cima a ‘ppùppa Si vivi, l’onda, la stappa di cumèntu. S’appòia a lu sartiami, lu stàncu palamèntu. Sùrgi un lamèntu di ‘nna còsta di fasciami o, forsi, è un càntu di malincunìa. Puntànnu a la tistàta, rìttu,...

spacer

Il sole in un pugno

Tengo il sole in un pugno ma i raggi sfuggono dagli intervalli tra le dita Sfuggono come le parole alla mente che rimangono sulla lingua ma non divengono espressioni si vestono di conoscenza fuggita Sfuggono come le decisioni prese con la ragione nemica del cuore Sfuggono come le idee...

spacer

Un tuffo nell’immenso…

L’eco del mare ti fa compagnia, portato dalla brezza su per la scogliera dal giallo di ginestre colorata e, da macchie di verde dal sole illuminate.   Strilli di gabbiani tagliano il vento, che porta l’aspro odore di salsedine dell’acqua azzurra da vele solcate, vedi in fondo le terre...

spacer

Fronte del porto

Già sfamate le onde schiumano sul cemento e rotolano ovunque uomini e bottiglie vuote, bestemmie e urina negli anfratti del porto, risalendo in dissolvenza mescolano il respiro alle polveri sottili. Già di pioggia il cielo è un neon rotto sulle case basse, cinte d’arenaria. Insonne il faro è un...

spacer
spacer
spacer
spacer

Premio Nazionale di Letteratura e Poesia “Vincenzo Licata – Città di Sciacca”, VII Edizione. Cerimonia di premiazione

Download locandina     –     Download brochure L’attore Claudio Gioè, il giornalista Accursio Sabella e il cantautore Ezio Noto sono gli ospiti d’onore che riceveranno il riconoscimento “La Magnifica Identità Siciliana” durante la serata conclusiva della settima edizione del Premio Nazionale di Letteratura e Poesia “Vincenzo Licata – Città di...

spacer
spacer
spacer

Felicia

Felicia, poco più che cinquantenne, era là, semidistesa in un letto di ospedale; la flebo che pendeva dall’asta di sostegno era collegata ad una vena del suo braccio sinistro. Felicia era molto preoccupata: le si leggeva in viso la paura di ricevere un’altra notizia dolorosa dal medico che le...

spacer

Le lettere ai morti

Invecchiando nonna Semi cominciò a far sempre più caso ai presagi. Fu quando ricominciò a sognare. Dopo una vita passata a svegliarsi al mattino immemore, uscendo dal sonno con la mente sgombra, come se qualcuno le avesse vietato di portarsi dietro i propri sogni, un giorno cominciò a ricordarseli...

spacer

L’illusione

L’altra faccia dell’isola del sole era buia e asfissiante. In cunicoli stretti e polverosi, una variegata umanità lavorava incuneandosi sempre di più nelle viscere della terra. L’arroventata terra siciliana sembrava attraversata da infiniti serpenti frenetici, bramosi di ghermire la loro preziosa preda. In tempi di povertà della gente, dei...

spacer

Ad un bimbo che sta per nascere

(dalla mamma della sua mamma) Tua madre guardo, una bellezza nuova, goffa, irripetibile, dolcissima e fra di noi si tende il filo antico che ha legato eserciti di donne. Sei maschietto, da poco l’ha saputo e la mano sul ventre te carezza e pare ti disegni, membra e viso...

spacer

Gelsomino

Navigare tra lontane galassie in cerca del mistero onde l’anima mia cambiò colore,   cavalcare i venti siderali per ritrovare il seme che sull’isola mia pose il tuo fiore,   dedicare un’esistenza intera alla ricerca folle del giardino che porti il tuo profumo alla mia sera.   Santi Cardella...

spacer

DONNA

Donna mi volle Dio e non seppi subito il costo dell’essere senza corazza, donna mi scoprii all’improvviso quando fui costretta a vivere storie dal sapore di gramigna, brandelli inimmaginati che deturparono sogni… erano ali incastrate nei ghigni d’un mefisto. Donna gridai allora e rispolverai la forza di chi vuole...

spacer

LU SULI NTA LU MARI

Lu suli si rumpìu in milli pizzuddicchi nta lu mari… Milli diamanti ca lùcinu supra ‘u mantu d’acqua annurvànu l’occhi, cuetanu ‘i pinsera.   E li vulissi pizzuliàri ddi stidduzzi ‘mpinti tra l’unni, pi sazziarimi di luci e putiri aviri ‘u suli dintra lu me’ pettu aggiuccatu nta me’...

spacer

Figghiu

Figghiu, tu va currennu e mmenzu a li to passi scansi la vuci mia e chidda di to matri. Figghiu, tu curri forti jennu luntan’i mia, luntanu ri to matri, ca c’hai lu ciatu ‘n coddu pi lu duluri anticu. Figghiu tu va fujennu p’un sentiri li grida d’un...

spacer

SCIROCCU

A milli a milli,s’assicutanu currennu cu li crinera a lu vento scumazzannu scippannu l’alica n’funnu e poi rumpennu nta la riva nnuccenti raggia e chiantu mentri la scuma purtata di lu ventu avi sapuri d’odiu e di rimpiantu e di sali di lacrimi e spaventu quannu senti ddu tronu,...

spacer

VORREI L’ARCOBALENO

Vorrei rubare l’arcobaleno al cielo fino a slegarne gli sfumanti colori e ad uno ad uno consegnarli al mondo che si ritrovi nell’unico tal padre. Non si pavoneggerà più nell’azzurro qual penitenza di una lotta eterna per una terra separata dal suo cielo in un luogo dalla smarrita concordia....

spacer