Monthly Archives: settembre 2011

La finestra der poeta

Stammatina me volevo mette de buzzo bono a scrive quarche cosa, ho chiuso la porta de le camerette per concentramme mejo su poesia e prosa. Ho buttato giù quarche parola, ma così, senza arcuna fantasia, perciò ho rimesso a posto la sediola e ho aperto la finestra su la...

spacer

17 45 17 (a Primo Levi)

Stamattina, mentre albeggiava sui colli innevati, ho portato mio figlio al crematorio. Senza piangere, l’ho svestito. L’ho ripulito dal fango e dal sudore della terra. Ho riposto i suoi zoccoli consumati e sporchi tra milioni di zoccoli consumati e sporchi. Come fiore di rosa, l’ho adagiato tra le mani...

spacer
spacer

In volo

In volo, libera, sono aereo che va verso altre terre; in volo per sorprendermi a nuovi colori e ad altre luci, in volo per giocare ancora con le mie emozioni e sorridere a chi le ha raccolte, in volo per raccogliere riposo e gustare lontananze da fuochi ardenti. Potessero,...

spacer

Lu tempu di la simina

Ia ca un sugnu cchiù na lu tempu di la simina e li me vrazza un’annacanu nutrichi. Ia ca canusciu lu munnu e li so’affanni e di la vita la trama di la tila sacciu quannu l’amuri po’ esseri sognu o puramenti addivintari malignu. Ia ca mi taliu na...

spacer

TI DIRO’ DI COME …

Ti dirò di come tormento le mie mani per intrecciare fili mentre il mio tempo si frammenta inesorabile nelle notti quando do tregua al corpo e volo fuggiasca in cieli inconsapevoli Svuoto le sacche delle mie tele che ho imbrattato con brandelli delle mie sconfitte E raccolgo ancora frammenti...

spacer

Due volte primavera

Nella primavera della gioventù ti hanno catturato i cattivi strappata dalla tua terra smarrita nel mondo. Minacciata e picchiata percorri la strada della vita dietro i fari delle auto dei potenti. Tremi a fare quell’amore non è amore. Il freddo il gelo avvolgono il tuo corpo nudo i tuoi...

spacer

Jalla

Jalla, Jalla! la voce è un sussurro che roco ti arriva dall’ombra e il cuore, che ancora rimbomba di spari, di scoppi, di grida, sussulta nel petto. Jalla! La voce la senti imperiosa da un po’ più lontano… la segui guardandoti intorno cercando una mano che guidi i tuoi...

spacer

Eranu jorna di carnarivali …

Eranu jorna di carnarivali, di fastu e culura scunzacrava ogni vanedda, e pittiddi nt’agnuna siculara, nghirlandavanu nta filinii di lu tempu, accanzannu smannu d’esistenza nta occhi viviruti e fistanti di picciriddi e granni. “Facci arripudduti” supra facci, cunzignavanu gioventù a vecchi e vita a scheletri e mostri nt’abballi macabri,...

spacer

PROFUMI DI UN’ASSENZA

Nella quiete d’una sera come altre, nel silenzio di rumori sommessi e discreti che avvolgono i miei pensieri, scavo tra ricordi e non vorrei. Scendono leggeri e toccano lì dove più fragile è l’anima e immagino ancora un profilo, un volto, respiro odore solo a me noto, profumi di...

spacer